Storia della famiglia Alliata o Agliata

Alliata
Stemma della famiglia Alliata

Di origini toscane, trasferitisi a Palermo nel corso del XIV secolo, grazie ad un’abile “politica matrimoniale” gli Alliata (o Agliata) divennero in pochi decenni una delle famiglie nobili siciliane più in vista dell’isola. La loro origine ha radici antichissime, la gens Allia è infatti ricordata come una delle prime 7 famiglie ad ottenere la libertà nell’antica Roma e lo stesso San Dazio Alliata, arcivescovo di Milano e primo Santo della famiglia, vissuto nella prima metà del VI secolo d.C., attesta l’esistenza degli Alliata già nei primi secoli dopo Cristo. Alla fine del XIII secolo, insediata a Pisa, è nota come una delle più fiorenti famiglie del suo tempo, finanziatrice di numerose imprese commerciali e grandi interessi nell’isola di Sardegna, allora possedimento della Repubblica Pisana. La conquista dell’isola da parte degli Aragonesi e l’interesse dei Visconti per Pisa fecero sì che nel 1330 un certo Filippo Alliata (o Agliata secondo la versione più antica del nome della famiglia) si trasferisse in Sicilia, allora nelle mani di Federico II d’Aragona, e si stabilisse a Palermo, pur senza tralasciare interessi pisani. Discendenti dunque degli Alliata di Pisa, i Principi di Villafranca costituiscono il ramo primogenito siciliano e annoverano numerosi titoli e feudi, tra cui otto principati, tre ducati, un marchesato e tredici baronie.
Oltre all’arcivescovo di Milano Dazio Agliati, dichiarato Santo da Papa Virgilio dopo la morte avvenuta nel 552, gli Alliata hanno un altro Santo in famiglia, un capitano di nome Leone che difese Costantinopoli nel 1274 dall’attacco dei Barbari e fu capostipite dei due rami familiari, quello milanese e quello pisano. Il ramo milanese decadde presto, al contrario crebbe notevolmente quello di Pisa, diramatosi successivamente in Sicilia. Questi due personaggi sono rappresentati nella porta vetrata del 1929, che dà accesso al piano nobile, a firma di Pietro Bevilacqua.
Insediatisi in prossimità del porto di Palermo, alla metà del XV secolo gli Alliata edificarono una cappella nella vicina chiesa di San Francesco d’Assisi. Alla fine del secolo si legarono alla monarchia spagnola acquisendo il feudo baronale di Villafranca: il titolo di principe di Villafranca fu concesso nel 1609 dal re Filippo III a Francesco Alliata, figlio di Giuseppe e di Fiammetta Paruta, baronessa di Salaparuta. Alla fine del Quattrocento gli Alliata, entrati nelle grazie della corona spagnola, entrarono in possesso di titoli e feudi al punto da insediarsi attivamente nella politica della città di Palermo. Il Pretore di Palermo Francesco Alliata, del ramo dei Villafranca, decide allora di trasferirsi in un luogo privilegiato del centro storico e politico di Palermo, Piazza Bologni appunto.
Principi del Sacro Romano Impero gli Alliata furono inoltre anche grandi di Spagna e pari del Regno.
Dal 1734 al 1786 ottennero dall’Imperatore Carlo VI d’Asburgo la carica di “corrieri maggiori ereditari” del Regno di Sicilia, cioè il servizio postale nell’isola. La carica gli fu tolta in occasione dei moti rivoluzionari del 1821, allorché gli Alliata si schierarono a favore dell’indipendenza della Sicilia. Nel 1822 furono aboliti i privilegi feudali e i nobili dovettero pagare le tasse sui propri beni, da qui la svolta “borghese” della famiglia che portò all’apertura di botteghe al piano terra del Palazzo e, nel 1824, la fondazione della casa vinicola dei Vini Corvo di Salaparuta, oltre allo sfruttamento delle miniere di zolfo e alle fabbriche tessili. La famiglia visse in questo palazzo sino agli anni ’80 del secolo scorso, quando la Principessa Rosaria Correale Santacroce decise di lasciare l’edificio in beneficenza al Seminario Arcivescovile di Palermo.
Stemma della famiglia: scudo d’oro con tre pali neri. Lo scudo accollato all’aquila bicipide ad ali spiegate con il manto di ermellino, sormontata da una corona imperiale d’oro che li indica come principi del Sacro Romano Impero.

Maria Laura Longo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: